TERREdiLAGO

la Rete di Economia Solidale del Luinese

un progetto del GIM (Gruppo Impegno Missionario)

http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito mulino a ventogk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito impiantigk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito Fiori africagk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito altre borsegk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito mercato 450x120gk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito frutta e verdura 450x120gk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito allevamentogk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito pane e formaggio 450x120gk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito cucinagk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito cascategk-is-113.jpglink
http://terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito Corni e peccgk-is-113.jpglink
«
»
Loading…
Buono, equo e solidale: queste tre parole
illustrano bene il progetto TERREdiLAGO
una rete di economia solidale che unisce
Botteghe del Mondo, gruppi di acquisto solidali,
produttori locali, associazioni e cooperative sociali
al fine di promuovere giustizia sociale ed economica,
sostenibilità ambientale della produzione e consumo,
rispetto per le persone e per il loro lavoro,
attraverso il commercio,
la crescita della consapevolezza dei consumatori,
l’educazione e l’informazione.
Sabato, 25 11 2017

Abbiamo 88 visitatori e nessun utente online

Az. Agric. Alberti Mario

alberti-mario-capre-470x470
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Località lago Delio - 21010  MACCAGNO (VA)

L’azienda agricola Alberti Mario nasce originariamente come una cooperativa per l'allevamento dei cavalli.   

Poi, a causa dei problemi derivanti dal pascolo dei cavalli, è passata all’allevamento di capre e vacche per la produzione di formaggio. 

L'azienda ha partecipato al progetto pilota per il recupero, la caratterizzazione e la valorizzazione del patrimonio genetico transfrontaliero inerente la razza caprina autoctona Nera di Verzasca. 

Il progetto pilota, concluso nel 2006, ha permesso di mettere a punto strumenti per operare una selezione mirata dei capi a livello aziendale, consentendo quindi di individuare i capi di maggiore pregio e di effettuare una scelta più obiettiva delle madri della futura rimonta in azienda.

 

 

L’azienda agricola opera in una struttura (abitazione e stalla) con idonei campi per il pascolo. L’allevamento comprende circa 80-100 capre (nera di Verzasca), 6 vacche (Bruna alpina e Rendena), 2 manze e 2 vitelli. 

Mario Alberti  è impegnato nelle attività di valorizzazione dell’allevamento della capra nera di Verzasca che, grazie alla sua capacità di sfruttare al meglio le risorse foraggere naturali, rende possibile una riduzione dei costi di alimentazione, soprattutto in termini di scorte di foraggio affienato, e costituisce quindi un elemento di interesse economico per l'allevatore.

Mario ha partecipato a numerosi lavori e ricerche sull’argomento in particolare nell’ambito dei progetti INTERREG.

 

L’azienda opera con criteri volti alla salvaguardia dell’ambiente e delle tradizioni locali sull’allevamento animale; sostiene quindi l’agricoltura di montagna ed è contraria allo sfruttamento intensivo della terra.

E’ aperta a visite dei consumatori per illustrare le tecniche di allevamento e produzione del formaggio.

L’attività principale dell'azienda agricola è il processo di caseificazione da latte crudo in formaggi tipici come: caprino, tomino, mozzarelle, misto capra e vacca.

 

Interessante è assistere alla produzione delle mozzarelle che avviene in un laboratorio appositamente attrezzato.

Qui, in un grande contenitore, il latte viene fatto riposare; avviene quindi la coagulazione del latte e poi la rottura della cagliata. 

La massa così ottenuta viene raccolta,  compattata in una bacinella, e lasciata riposare ancora per circa 15 minuti.

In seguito viene divisa in porzioni e lavorata in un contenitore  con acqua bollente, fino ad ottenere una pasta morbida, liscia e filante, da cui viene strappata,  mozzata (da qui l’origine del nome mozzarella) una quantità di pasta e sapientemente lavorata fino ad ottenere la forma classica della mozzarella.

Ogni pezzo viene successivamente adagiato in acqua fredda.

 

     

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione nel sito; maggiori informazioni li trovi nella pagina di Cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.